Il Bari piega nel finale la Palmese

È il turno di Mattera. Difende bene e batte il muro difensivo avversario.

Il Bari ha battuto per uno a zero la Palmese al San Nicola con un gol al 43′ della ripresa del difensore Mattera. I pugliesi, costringendo l’undici di Franceschini alla prima sconfitta stagionale, hanno consolidato il primato in classifica nel girone I dalla Seria D, a quota 27 punti.
La gara è stata a senso unico, con Brienza e compagni proiettati in avanti e la Palmese (soprattutto nel primo tempo) propositiva solo con un paio di ripartenze, nonché protagonista di una fase difensiva con poche sbavature. Nella ripresa il gol-partita si è sviluppato da punizione di Brienza, con sponda di Di Cesare e deviazione vincente finale del difensore barese.

Tre il numero fortunato della Ssc Bari

Si riprende con la vittoria dei biancorossi. Vincono ad Acireale, nonostante due uomini espulsi.

Il Bari espugna il campo dell’Acireale e vola a  +5 dalla seconda posizione in classifica. A decidere il match sono state le reti di Pozzebon, Simeri e Langella, inutile il gol del momentaneo pareggio segnato da Leotta. Gli uomini di Cornacchini chiudono in nove: espulsi Pozzebon e Mattera per due gomitate rifilate agli avversari durante delle azioni di gioco.

Primo tempo molto equilibrato al ‘Tupparello’: i biancorossi passano al dodicesimo grazie a Demiro Pozzebon, abile a spingere in rete una palla uscita da una mischia in area di rigore. Il pareggio dei padroni di casa arriva alla mezz’ora con Leotta che sfugge a Nannini e punisce Marfella con un preciso sinistro.

Nella ripresa Cornacchini manda in campo Simeri al posto di Floriano: l’attaccante del Novara impiega tre minuti per spingere in rete un passaggio di Brienza e aggiungere il suo nome al tabellino dei marcatori. Il Bari cerca di amministrare il vantaggio ma perde Pozzebon: l’attaccante colpisce Gambuzza con una gomitata e riceve il secondo giallo della sua partita. Al 71esimo la partita sembra cambiare totalmente: il direttore di gara giudica volontaria una gomitata di Mattera ed espelle il difensore. Il Bari resta in 9 uomini a poco più di 20 minuti dalla fine. L’Acireale prova a sfruttare la superiorità numerica ma viene punita alla prima ripartenza: Langella trasforma in gol un buon passaggio di Simeri ed esulta sotto il settore ospiti affollato dai tifosi baresi.

Nel finale i padroni di casa gettano via l’ultima occasione per riagguantare il match: Madonia fallisce un calcio di rigore tirando fuori dallo specchio della porta difesa da Marfella.

Arriva il primo pareggio per la Ssc Bari

Al San Nicola oltre 10mila spettatori, tra cui uno d’eccezione Igor Protti

Primo pari stagionale per il Bari al San Nicola con la Turris nella quinta giornata di campionato: 0 a 0 il finale davanti a oltre diecimila spettatori.

I pugliesi confermano il primato nel girone I della Serie D.
La gara ha visto una costante supremazia territoriale dell’undici allenato da Giovanni Cornacchini, vicino al gol con Neglia nel primo tempo e con Brienza nella ripresa (traversa al 52′). I campani si sono resi pericolosi solo al 31′ con Cunzi che ha costretto Marfella ad una prodezza per respingere la conclusione a botta sicura.
Il Bari con il pareggio contro i campani non ha eguagliato il record di cinque vittorie di fila in Serie D, risalente alla stagione 1953-54, con in panchina l’allenatore Franceschino Capocasale.

Opsite d’eccezione nella giornata di ieri al San Nicola : Igor Protti che ha voluto far sentire la sua vicinanza ai tifosi baresi.


Foggia: servizio di trasporto per disabili

Servizio di trasporto per persone disabili, la replica del vicesindaco ed assessore alle Politiche Sociali, Erminia Roberto, alla Cooperativa “Astra”

“Con riferimento alla lettera trasmessa dalla Cooperativa ‘Astra’ all’Amministrazione comunale ed inoltrata alla stampa, il vicesindaco di Foggia ed assessore alle Politiche Sociali, Erminia Ropberto, precisa che l’elenco consegnato al soggetto incaricato di espletare il servizio di trasporto per persone disabili rappresenta una registrazione, in ordine temporale, dei dati riferiti agli utenti che hanno richiesto negli anni l’accreditamento, su apposita modulistica predisposta dagli Uffici del Servizio Politiche Sociali. Sulla base della domanda di accreditamento, dunque, tutti rappresentano dei potenziali utenti che possono usufruire del servizio. Va da sé, quindi, che, oltre ai fruitori abituali, sono da prendere in considerazione anche quelli che ne usufruiscono saltuariamente. Pertanto non si rileva alcuna “discrasia” tra il numero degli utenti regolarmente accreditati e quelli che usufruiscono del servizio, trattandosi di un servizio ‘flessibile’, effettuato ‘a chiamata’.

Tutte  le richieste, dunque,  hanno avuto una scadenza temporale in base alle esigenze degli utenti. Alla scadenza della domanda molti hanno rinnovato la richiesta. Ciò che appare come una ripetizione di dati non è altro che la registrazione di un  rinnovo, che viene comunque riportato nell’elenco.

Per quello che riguarda le procedure di gara, con particolare riferimento al capitolato di appalto, va sottolineato che nello stesso non viene indicato alcun numero di utenti trattandosi, come detto, di un servizio estremamente flessibile. Pertanto il costo del servizio, posto a base d’asta, è stato parametrato in base al costo del personale necessario per assicurare il normale svolgimento dell’attività, posta in essere attraverso l’utilizzo dei due mezzi messi a disposizione dall’Amministrazione comunale. Proprio al fine di agevolare la Cooperativa ‘Astra’ nella corretta prosecuzione del servizio, inoltre, unitamente all’elenco di cui si è fatto cenno è stato consegnato un  prospetto, fornito dalla ditta uscente, relativo agli utenti che usufruivano del servizio nel periodo in cui si è verificato l’avvicendamento, avvenuto nel luglio scorso.

L’Amministrazione comunale, dunque, ha nelle ultime ore ha dato corso ai provvedimenti necessari al rispetto dell’Ordinanza del Tar Puglia con la quale è stata disposta la sospensiva dell’affidamento del servizio, nell’attesa dell’udienza pubblica di merito. Ribadiamo, come già fatto nei giorni scorsi, che gli uffici delle Politiche Sociali, d’intesa con il sindaco Franco Landella, sono impegnati nell’individuazione delle strategie migliori per non interrompere un servizio al quale assegniamo una grande importanza e che punta a garantire un sostegno a categorie fragili della nostra comunità.  

Le contestazioni formulate dalla alla Cooperativa ‘Astra’ appaiono in quest’ottica infondate e la documentazione prodotta dal Comune di Foggia lineare e per nulla carente o errata. Se la Cooperativa ‘Astra’ ritiene siano stati prodotti atti contrari alla legge, ha facoltà di recarsi presso gli uffici della Procura della Repubblica e sporgere formale denuncia, cosa che al momento non mi risulta sia accaduta, invece di invitare me a compiere questo passaggio”.
 

Il Bari dei tre

Il Bari ha conquistato a Barcellona Pozzo di Gotto la quarta vittoria stagionale in quattro gare del girone I di Serie D, superando per 0-3 l’Igea Virtus: le reti sono state siglate al 25′ da D’Ignazio, al 36′ da Bolzoni e all’89’ da Mattera. Con questo successo i pugliesi consolidano il primato nella classifica a quota 12.
    Soddisfatto il tecnico del Bari, Giovanni Cornacchini: “Alla fine della partita i ragazzi erano un po’ stanchi – ha commentato – ma credo sia stata un’ottima prestazione. Era difficile affrontare una squadra su questo campo, però posso dire di essere soddisfatto di come abbiamo giocato”. “Se vuoi vincere questo campionato – ha aggiunto – le cose vanno fatte come si deve, non solo dal punto di vista del gioco ma anche dell’approccio. Il fatto che oggi non abbiano segnato gli attaccanti e si sia chiusa comunque sullo 0-3, vuol dire che siamo riusciti a trovare delle soluzioni diverse come i tiri da fuori area”. “Anche questo – ha rilevato – è sintomo della giusta mentalità”. Poi gli elogi per il veterano Brienza: “E’ un giocatore di grande qualità – ha evidenziato Cornacchini – anche se è un po’ indietro con la preparazione rispetto agli altri riesce a gestire la palla come e quando vuole”. L’autore del primo gol, D’Ignazio, ha detto di essere “felicissimo per la rete, perché ha sbloccato la partita su un campo davvero difficile che non ci consentiva di giocare troppo la palla”. “Ho tirato e non ci ho pensato troppo – ha concluso – il gol mi ha stupito ma la cosa più bella è stato il calore dei miei compagni”.

Un incontro di lettura

Presentazione e firmacopie del libro “La Varche de Zuele”

Sabato 06 Ottobre 2018 alle ore 18:00, presso la libreria Gagliano d’Arte a Bari, si terrà un incontro per presentare il libro di Elisa Ferorelli dal titolo “La Varche de Zuele”.

Durante l’incontro verranno lette alcune pagine del libro e poi la stessa autrice procederà a firmare le copie di coloro che parteciperanno; a moderare l’incontro ci sarà il Prof. Nicola Cutino.

L’evento è stato organizzato dalla libreria Gagliano D’arte e l’associazione culturale “Movimento Sud”

Vi aspettiamo numerosi.

Tris della Ssc Bari al San Nicola

Il Bari batte 3-0 la Cittanovese e conferma il primato nel girone I della Serie D inanellando la terza vittoria di fila in campionato, davanti ai 10mila spettatori del San Nicola. La gara è stata sbloccata al 31′ da un calcio di rigore di Simeri, mentre nella ripresa i pugliesi hanno piegato la resistenza degli avversari con una deviazione di testa di Di Cesare al 9′ e con un contropiede di Neglia al 10′.
Si conferma la crescita della qualità del gioco dei biancorossi, unita alla solidità di un reparto difensivo che ha negli esperti Cacioli e Di Cesare due insuperabili baluardi.
Con il convincente successo interno, l’undici di Cornacchini ha subito cancellato la piccola macchia dell’eliminazione in Coppa Italia, rimediata mercoledì in casa contro il Bitonto.


Il cinema Galleria presenta le opere di Dalì

La nota galleria d’arte barese, Gagliano Arte, presenterà al pubblico, presso il Multicinema Galleria, ben diciannove opere firmate da Salvador Dalì, in occasione della proiezione del film “Salvador Dalì – La ricerca dell’immortalità“. Il 24 e 25 settembre, dunque, il foyer del Multicinema Galleria ospiterà una mostra esclusiva ad ingresso libero in occasione della quale saranno esposti alcuni capolavori del celebre artista spagnolo, frutto del suo inconfondibile ed estroso genio creativo.

La Gagliano Arte, realtà attiva dal 1989 con lo scopo di offrire un punto di riferimento nel mercato dell’arte in Italia, detiene in esclusiva mondiale i diritti di riproduzione delle serigrafie su lastra argento delle opere di Salvador Dalì “I mestieri dell’uomo” di provenienza Rizzoli Arte SpA.

Nello specifico, le opere che la galleria esporrà nelle due giornate del 24 e 25 settembre sono: tre bassorilievi provenienti dalla collezione “Football”, un autoritratto di Dalì (opera unica), quattro serigrafie su lastra d’argento tratte dalla collezione “Le professioni”, quattro bassorilievi appartenenti alla collezione “Arti”, due bassorilievi tratti da “La Divina Commedia”, cinque opere su carta de “La Sacra Bibbia”.

Lo spettatore, avrà, quindi la possibilità di immergersi concretamente nel surrealista mondo di Salvador Dalì osservando da vicino alcune delle sue opere, prima di assistere alla proiezione del film che celebra l’anniversario della sua scomparsa.

infotel: 080.521.45.63

 

Si ribalta giostra, feriti 10 bambini

‘Carosello’ sequestrato a Pula, indagano i carabinieri.

Una piccola giostra per bambini si è ribaltata a Pula, nel cagliaritano: dieci minorenni sono rimasti lievemente feriti, riportando abrasioni ed escoriazioni. L’episodio è avvenuto ieri notte in piazza della Chiesa, dove all’interno di un luna park era stato installato un “carosello” che gira con le sedie appese alle catene. Una parte della struttura, probabilmente il perno centrale, per cause da accertare, ha ceduto e la giostra si è ribaltata. I genitori e i presenti sono subito intervenuti per soccorrere i piccoli.

Sul posto sono poi arrivati i carabinieri. Fortunatamente i bambini hanno riportato solo lievi escoriazioni e contusioni, non refertate in ospedale. I militari dell’Arma hanno subito parlato con il proprietario della giostra, un 46enne di Cagliari. La struttura è stata sequestrata per consentire gli opportuni accertamenti e verificare la regolarità delle autorizzazioni rilasciate per l’impianto.

 

red.ag

Vacanze, al via il controesodo ma occhio a settembre

Federalberghi, attesi 13 milioni di viaggiatori.

Domenica da bollino rosso ieri  su tutte le strade italiane, intasate dalla giornata di controesodo. Con l’arrivo dei temporali, annuncia un’indagine commissionata dalla Coldiretti, 7 italiani su 10 stanno dicendo addio, armi e bagagli, alle vacanze estive. Ma non è detto che sia proprio così per tutti, anzi: in barba alla consuetudine e all’imminente riapertura delle scuole, sempre più connazionali sembra stiano riscoprendo le vacanze settembrine, forse meno assolate e calde, ma più tranquille e assai meno costose. A fare i conti è un’indagine commissionata in questo caso da Federalberghi, secondo cui, dopo un’estate “nel complesso non eccezionale” spiagge,  campagne e città d’arte si stanno preparando ad accogliere a settembre altri 13 milioni di vacanzieri. E insieme agli stranieri, tanti, secondo un must ormai consolidato nella fascia agé, soprattutto tedeschi, cresce in maniera conclamata il numero degli italiani, tanto che il 21,1% di quelli che sono andati in vacanza durante l’estate farà almeno un giorno di ferie a settembre, un dato in netta crescita rispetto al 14,9% del 2017 e al 13,9% del 2016.

Per il 19,5% si tratterà della vacanza principale, mentre gli altri progettano solo un supplemento di relax, magari nel weekend. Mentre per gli stranieri si guarda come sempre soprattutto alla Germania, di gran lunga il nostro principale mercato con 1,9 milioni di arrivi a settembre (1,8 milioni), seguita da Stati Uniti (668 mila) Francia (481.817) e Regno Unito (481.582)

Per il settore una luce di speranza, commenta il presidente degli albergatori Bernabò Bocca, che invita una volta di più a puntare sull’allungamento della stagione delle vacanze: attualmente nel mese di settembre le imprese del turismo danno lavoro a quasi un milione e centossessantamila lavoratori, che scendono a quasi novecentotrentamila a novembre, basterebbero “due mesi in più”, sostiene il presidente dell’associazione legata a Confindustria, “per produrre un effetto concreto sulla occupazione , con effetti concreti per quasi 230 mila persone, in massima parte giovani, visto che più del 71% ha meno di quarant’anni e più del 47% meno di trenta”.

Tant’è. Aspettando di vedere come andrà a finire, è l’indagine di Coldiretti a trarre un primo bilancio di come e quanto hanno scelto di andare in vacanza gli italiani, con l’88% dei 38,5 milioni di connazionali in partenza che ha scelto di rimanere in patria. Nonostante i temporali, è stato come al solito agosto, il mese più gettonato, seguito come consuetudine da luglio. Particolarmente penalizzato invece giugno, flagellato dalla pioggia, con il 124% di precipitazioni in più rispetto alla media storica.

Nelle scelte domina sempre il mare, preferito da più di 6 italiani su 10 (62%), ma al secondo posto ci sono le città d’arte a pari merito con parchi, oasi, riserve e la campagna, che nelle preferenze supera i monti. E se una forte maggioranza (60%) ha scelto di soggiornare in case di proprietà, magari di parenti e amici, oppure in affitto, nella classifica delle preferenze ci sono nell’ordine pure alberghi, bed and breakfast, villaggi e gli agriturismi, che fanno segnare un aumento rispetto allo scorso anno. La spesa media è stata 744 euro per persona con un buon 36% che è rimasto al di sotto dei 500 euro di spesa, il 33% tra i 500 ed i 1000 euro, il 16 % tra i 1000 ed i 2000. Solo in pochi hanno potuto o voluto concedersi di più.

Red.Ag.