12353350_ori_crop_MASTER__noscale__MGTHUMB-INTERNA

Spari contro il nuotatore Manuel Mateo Bortuzzo.

Resta l’ipotesi di un errore. Estratto proiettile dalla schiena.

ROMA- Spari in strada la scorsa notte in piazza Eschilo, all’Axa, poco prima delle 2.

Ferito Manuel Mateo Bortuzzo, 20 anni, nuotatore di Treviso e giovane promessa di questa disciplina sportiva. Bortuzzo è stato trasportato in ospedale in codice rosso.

Sulla vicenda sono in corso indagini dei poliziotti del commissariato di Ostia e della Squadra Mobile di Roma. Dalle primissime informazioni, sembra ci sia stata una rissa nella piazza nei pressi di un pub. 

Resta ancora da capire, se i proiettili erano destinati al giovane ventenne o si tratta di uno scambio di persona.

Il ragazzo era in compagnia di un amico quando è stato raggiunto da un colpo di pistola. Quel che è certo è che Bortuzzo sarebbe estraneo alla rissa scoppiata in un pub poco prima del suo ferimento. A quanto ricostruito dagli investigatori, il ragazzo era diretto in quel locale, ma poi proprio a causa della rissa non è entrato. La polizia in queste ore sta ascoltando diversi testimoni e vagliando le immagini delle telecamere.

Gli spari sarebbero partiti da uno scooter con a bordo due uomini.

Al nuotatore è stato rimosso il proiettile, rimasto integro, che si era fermato nella parte destra all’altezza undicesima vertebra. La rimozione del proiettile è avvenuta dopo un primo intervento, eseguito nella sala di chirurgia toracica, in cui è stato svuotato un versamento di sangue nel torace. La prognosi rimane riservata. Prima delle prossime 48 ore non è possibile stabilire eventuali danni per la mobilità.