1538059895976.jpg-roberto_floriano

Ssc Bari un tris contro il Marsala

Torna alla vittoria la squadra biancorossa. Perde la Turris.

Dopo la mancata vittoria contro la Turris, seconda nel Girone I, la Ssc Bari torna a vincere nelle mura di casa 3-1 contro il Marsala. Con questa vittoria la squadra barese allunga di nuovo le distanze dalla Turris, che oggi ha perso contro il Messina.

Inizio vivace per la Bari, che tira più volte nello specchio della porta senza risultato però.

Poco dopo a queste azioni del Bari, il Marsala risponde con una rete di Manfrè.

Ma i biancorossi non si scoraggiano e, ci pensa Floriano a firmare la rete del pareggio.

A riaprire la partitaci pensa su rigore il capitano Ciccio Brienza, che porta il Bari in vantaggio.

Ci pensa Simeri a sigillare la vittoria, a pochi minuti del 90′.

D3X_5639

Bari: Minorenne accoltellato, movente passionale

BARI- Si continua ad indagare su quale sia con certezza il movente che ha portato ad accoltellare all’addome un giovane ragazzo e a colpirlo in testa.

Potrebbe essere passionale il movente dell’aggressione.

Forse una ragazza contesa, ma saranno le indagini a stabilire perché il minorenne, che compirà quest’anno 18 anni, sia stato trasportato al pronto soccorso dell’ospedale San Paolo.

Bari in arrivo il muro della solidarietà

Iniziativa dell’associazione InConTra.

Il “Muro della Solidarietà” arriva a Bari, per offrire un luogo fisico per donare e ricevere: ad allestirlo è l’associazione InConTra. Si tratta di un presidio permanente, che sorgerà in piazza Balenzano per accogliere le donazioni destinate a chi ne ha bisogno. I senzatetto e gli indigenti potranno attingervi e prendere con sé indumenti, scarpe e coperte. Il muro funzionerà in modo semplice: ciascun cittadino potrà lasciarvi le proprie donazioni in qualsiasi momento del giorno e della notte.

L’iniziativa si avvale dell’esperienza già vissuta in altre città, come Stoccolma e Teheran. Piazza Balenzano non è un luogo qualunque: il muro, infatti, sarà collocato di fianco ai locali che offrono la mensa ai bisognosi. Al servizio dell’opera una writer, che ha accettato di mettere a disposizione le sue competenze per la realizzazione del progetto.


download (2)

Bimbi autistici maltrattati: Libere tre maestre

Per Riesame non ci sono gravi indizi colpevolezza.

Sono state scarcerate tre educatrici arrestate il 12 gennaio scorso su disposizione della magistratura barese, per maltrattamenti su bambini autistici.

Il Tribunale del Riesame ha accolto i ricorsi dei difensori di Rosa Stolfa e Letizia Lopedote, revocando la misura degli arresti domiciliari sia per carenza di esigenze cautelari che di gravi indizi. Per Rosalba Lovicario i giudici hanno disposto l’interdizione per un anno. Le indagate avevano dichiarato che le condotte ritenute maltrattamenti, erano tecniche terapeutiche di contenimento usate per calmare i bambini.

Stando alle indagini, sarebbero stati documentati nell’istituto di Noicattaro (Bari) con video decine di episodi di presunti maltrattamenti, nei quali i bambini venivano legati alle sedie con le braccia bloccate dietro la schiena e messi a tacere quando urlavano e piangevano con fazzoletti sulla bocca fino quasi a non respirare, schiacciati contro il muro, sul banco o sul pavimento.

photo1jpg

Scoprendo Bari vecchia

Visita guidata a Bari vecchia domenica mattina 10 febbraio con itinerario degli antichi mestieri.  Proseguirà giovedì 14 febbraio S. Valentino con itinerario dell’Amore.

Il circolo Acli – Dalfino organizza per Domenica 10 febbraio 2019 una visita guidata nella Città vecchia di Bari con specifico itinerario degli antichi mestieri , scopriremo angoli dove stava , ” U MUNAFURBRCE , U SEGGIARE , U SCARPARE , LA VAMMARE , LA MASCIARE , U FURNE DE PETE , LE FEMMENE DE LE STRASCENATE , U MESTEPANNE , ,a termine nel SOTTANO DE COMA IANNINE , degustazione taralli patane e nu belle bicchire de mirre teste.

Il circolo Acli – Dalfino organizza per Giovedì 14 S. Valentino 2019 una visita guidata serale in onore di San Valentino, protettore degli innamorati, con itinerario dell’Amore. Sarà possibile vedere angoli romantici come “il balcone degli innamorati baresi” (in Corte Cavallerizza), l’Arco degli Innamorati “U’ Uarche de le Meraviglie” ed al vicoletto del “bacio” (Strettoia di Santa Lucia), dove le coppie si daranno un bacio. A termine c/o la sede operativa del Circolo Acli – Dalfino (strada San Marco dei Veneziani), piccolo momento conviviale di felicità con distribuzione alle coppie presenti di cuoricini di cioccolato a simbolo di “eterno amore”, si darà lettura della “dichiarazione d’AMORE degli INNAMORATI” e distribuzione di cuoricini di cioccolato.

SCENA FUMO DI LONDRA

Puglia: Alla mediateca regionale pugliese è di scena Alberto Sordi

A partire dal 6 febbraio 2019 per 27 appuntamenti fino a Luglio.

Raccontare il nostro Paese attraverso lo sguardo della serie tv ideata, scritta e diretta da Alberto Sordi “Storie di un italiano”. E’ l’intento della rassegna di proiezioni e incontri “Cinestorie” che, a partire da mercoledì 6 febbraio per 27 appuntamenti fino a luglio, si terranno alla Mediateca Regionale Pugliese.

“Storia di un italiano”, infatti, è stato un programma televisivo andato in onda su Rai Due, trasmesso in più edizioni tra il 1979 e il 1986 in 37 puntate. Autori del programma erano, oltre a Sordi, anche Giancarlo Governi, Rodolfo Sonego e Tatiana Morigi, mentre la direzione musicale era stata affidata a un maestro delle colonne sonore come Piero Piccioni.

Il programma, attraverso brani di film interpretati da Alberto Sordi, racconta la storia del costume italiano del ‘900 mettendo in risalto, come caratteristica dei film dello stesso attore, vizi e virtù degli Italiani. La storia esordisce con un Sordi personaggio secondario in “Quei temerari sulle macchine volanti” di Ken Annakin, un film statunitense sui pionieri dell’aviazione agli inizi del Novecento, per proseguire nel tragicomico “La Grande Guerra” di Mario Monicelli, dove il suo personaggio fucilato dagli Austriaci, “resuscita” in un film sull’avvento del Fascismo.

L’attore si concede talvolta la licenza di mutare dei dialoghi originali per adattarli con altri filmati. Una tra le più note è la scena dell’aeroporto londinese in “Fumo di Londra” e un documentario dei Beatles che li ritrae scendere da un aereo, quindi un fittizio saluto di Sordi al celebre gruppo di Liverpool.

Ogni proiezione sarà introdotta e condotta da Benedetto Gemma e Guerino Amoruso che, con l’approfondimento radiofonico “Cinestorielive” in diretta su https://www.radiosocialweb.it/, racconteranno la vita e le opere del grande Alberto Sordi. Aneddoti, interviste e ospiti, arricchiranno la storia del grande attore e regista romano con la collaborazione del pubblico e degli operatori culturali.

La rassegna è organizzata dell’Associazione Culturale aroruA finanziato da Regione Puglia e Apulia Film Commission, in collaborazione con ilCentro Sperimentale di Cinematografia CSC – Cineteca Nazionale-, il Politecnico di Bari e con il patrocinio di Rai Puglia.

4270714_1017_megane_deutou

Ragazza picchiata, pubblica foto sui social

Picchiata dall’ ex, trova il coraggio e pubblica foto sul web.

Una studentessa di 23 anni originaria del Camerun, Megane Deutou, che da un anno studia all’Università di Bari, è stata picchiata dal suo ex fidanzato, uno studente barese di 24 anni, che non si rassegnava alla fine della loro relazione.
Dopo essere stata picchiata, la donna ha sporto denuncia e ha pubblicato la foto del suo volto tumefatto su Instagram, scrivendo:

“Ho finito il mio compito. La polizia si occuperà del tuo caso ora”.

Il post di Megane è stato rilanciato sui social da diverse associazioni tra cui ‘Studenti stranieri Università di Bari’ e ‘Studenti indipendenti Lingue’. La notizia, che sta facendo il giro del web.

Secondo la ricostruzione riportata sui quotidiani, Megane avrebbe incontrato mercoledì sera il suo ex fidanzato che voleva parlarle. E quando Megane ha ribadito la sua volontà di troncare il rapporto, l’uomo l’avrebbe presa per i capelli e poi sbattuto ripetutamente la testa della donna sulla portiera della propria auto.

“A te, Megane – scrivono su Fb gli ‘Studenti indipendenti di Lingue’ – vogliamo dire grazie perché hai avuto coraggio di dire basta, di denunciare, e di tornare a vivere. A te, carnefice, vogliamo ricordare che l’amore non rompe le costole, non lascia i lividi sulla faccia, l’amore non può e non deve uccidere”.

Ultras-generica

Calcio: arrestati tre ultras baresi

Bloccati ieri a Bitonto al termine della partita Bitonto-Taranto.

Tre ultras del Bari sono stati posti agi arresti domiciliari dalla polizia e altri due sono stati denunciati in stato di libertà per aver organizzato ieri a Bitonto, al termine della partita di calcio tra Bitonto e Taranto, un’aggressione contro tifosi ospiti.
    Agli indagati, che saranno tutti raggiunti anche da provvedimento di Daspo, si contestano, a vario titolo, i reati di detenzione di strumenti atti ad offendere e fumogeni, in occasione di una manifestazione sportiva, di travisamento e resistenza a pubblico ufficiale.

I tifosi baresi avrebbero organizzato un agguato per vendicare un’aggressione subita la scorsa settimana in occasione della trasferta nella città ionica. I poliziotti hanno individuato il gruppo di 15 persone, travisate e armate di bastoni, pronte ad aggredire alcuni tifosi del Taranto che, nonostante il divieto di trasferta, erano andati a Bitonto per seguire la loro squadra. L’ intervento dei poliziotti è avvenuto prima che cominciasse il deflusso degli spettatori.

1548951283659

Bari: annuncio di lavoro shock

L’offerta di lavoro di un bar di Bari ha scatenato molte polemiche in rete: “E’ schiavitù”.

Il mondo del lavoro negli ultimi anni ci riserva “belle” sorprese. Non per ultimo il caso di un bar di Bari.

Un bar di Bari ha pubblicato nella giornata di ieri un annuncio di lavoro che ha fatto presto il giro del web, provocando non poche polemiche. La risorsa dovrà lavorare 6 giorni su 7, per un orario complessivo di 14 ore al giorno, dalle 4 di mattina alle 18 di sera, a 1000 euro al mese. L’indignazione della rete è arrivata anche perché, nell’annuncio si fa molta ironia.

Queste le parole: “In parole povere deve gestirlo da sola […] deve sentirsi responsabile e titolare, considerate le ore può stare comodamente seduta quando non c’è nessuno, giorno di riposo la domenica, così il sabato potete andare a ballare”. La ricerca è rivolta solo alle donne. Facendo un breve calcolo, la lavoratrice dovrebbe lavorare 42 ore a settimana per meno di 3 euro l’una.

Il popolo del web è insorto. Qualcuno ha fatto notare le condizioni in stato di schiavitù alle quale la barista sarebbe dovuta sottostare. Sentendosi forse aggredito, il titolare del bar ha pubblicato un nuovo annuncio, ritrattando sull’orario di lavoro: “A turni 8 ore al giorno assicurato a norma di legge”.

Alcuni utenti hanno ipotizzato che potesse trattarsi di uno scherzo, ma è tutto vero. Il barista avrebbe anche dichiarato: “Se c’è bisogno si possono avere anche due giorni di riposo”, confermando la veridicità di quanto scritto nel post. A quanto pare, qualcuno lo avrebbe contattato per avere maggiori info: la prossima settimana, infatti, una ragazza andrà a fare una prova.

cbd578ca-4f33-4a7e-9b6f-52228ed936ae-original

Adelfia: muore sul luogo di lavoro

Stava saldando pezzi in ferro durante opere di ampliamento.

Un operaio di 24 anni, Davide Di Gioia, di Capurso, è morto dopo essere precipitato dal tetto di un capannone delle industrie Fracchiolla, azienda specializzata nella produzione di serbatoi per l’industria alimentare e farmaceutica, tra Adelfia e Valenzano, nel Barese.
    Secondo quanto riferito dai carabinieri, il giovane saldatore è precipitato da un’altezza di circa 15 metri dal solaio del capannone in fase di ampliamento. Sul posto è intervenuto personale dello Spesal e del 118 che ha condotto il giovane in gravissime condizioni al pronto soccorso del Policlinico di Bari dove è deceduto.