Serie D: la Ssc Bari torna a vincere.

Dopo un’amaro pareggio in casa nella scorsa giornata, la Ssc Bari vince sulla Città di Messina.

I biancorossi battono 1-3 il Città di Messina al Despar Stadium, mantenendo la prima posizione e si portano momentaneamente a più dodici sulla Turris, che ha una partita da recuperare.

Partono determinati i calciatori biancorossi, infatti Floriano sblocca il risultato con una bellissima rete che spiazza l’estremo difensore messinese.

Nel primo tempo non mancano le occasioni per il Bari, se tutte le palle fossero entrate, la squadra ospite avrebbe potuto già mettere sigilli sul risultato, ma si sa la palla è tonda.

Si va negli spogliatoi con il Bari in vantaggio di una sola rete.

Si torna in campo, e a pochi minuti dall’inizio il Bari può nuovamente esultare, grazie all’avversario Fragapane, che segna l’autorete.

Ci pensa Neglia a mettere al sicuro il risultato, segnando la rete del 0-3.

Inutile la trasformazione del rigore da parte di Galesio nel finale.

I biancorossi torneranno in campo il 17 marzo in casa, contro il Castrovillari dopo la pausa di fine inverno.

Una pausa per i campioni per recuperare tutte l’ energie e prepararsi fisicamente e mentalmente al rache finale.

Ssc Bari: un pareggio di consolazione

Iadaresta salva il Bari dalla prima sconfitta in casa. Con l’Acireale è solo 1-1.

Si è conclusa con un pareggio di 1-1 la partita del girone I della serie D, che ha visto i biancorossi contro l’Acireale.

Il Bari va a un passo dalla prima sconfitta interna. Infatti come nella partita precedente contro il Locri, la squadra di Cornacchini sembrava esser scesa in campo per fare allenamento. poche occasioni, poco coordinati e poca aggressività. Tutto ciò ha permesso alla squadra ospite di sorprendere l’estremo difensore biancorosso e segnare la rete firmata da Manfrè.

I biancorossi cercano di pareggiare, ma la palla proprio non riesce ad entrare in rete; il direttore di gara decide che può bastare così per questo primo tempo.

Nel secondo tempo, sembra esser sceso in campo un altro Bari, molto più agguerrito, 11 leoni sembrano predominare sopra ad un Acireale abbastanza chiuso in difesa.

Iniziano i primi cambi ed è proprio il neo entrato Iadaresta a firmare la rete del pareggio al 27 del secondo tempo.

Al 45′ l’arbitro decide di mandare Brienza negli spogliatoi, a causa di un secondo cartellino giallo.

Sulla terna arbitrale di questa partita, ci sarebbe da dire molto, sembravano ottimo alleati della squadra siciliana e in alcuni casi forse era il caso di rivedere le azioni direttamente dalla Var se fosse disponibile in serie D.

Ssc Bari allunga la distanza sulla Turris

Biancorossi vittoriosi con il Locri. La Turris pareggia con il Marsala.

La vittoria del 0-3, dei biancorossi contro il Locri, allunga le distanze permettendo alla Ssc Bari di portarsi ad undici punti di distanza dalla seconda classificata.

La squadra seconda in classifica è la Turris, che oggi ha pareggiato contro il Marsala

Un primo tempo non molto brillante, il Bari ci prova poche volte e senza nemmeno impegnarsi più di tanto. Si va negli spogliatoi con un risultato a reti inviolate.

Inizia il secondo tempo. Il difensore Di Cesare, autore di altri gol in questa stagione sblocca il risultato. Si riattiva il bari.

Con più spazi a disposizione, il Bari centra nuovamente la porta con Simeri, che con un pallonetto sorprende il portiere avversario.

A mettere al sicuro il risultato ci pensa Floriano, che sigla il tris di reti biancorosse, portandosi ad undici gol stagionali.

Tanta euforia tra i tifosi del bari, infatti durante la prima rete segnata da Di Cesare, un tifoso biancorosso per esultare è caduta dalla gradinata, riportando la frattura di una vertebra cerebrale.

Attualmente il tifoso di nome Nicola, è ricoverato all’ Ospedale di Reggio Calabria, solo nei prossimi giorni potrà rientrare a Bari

Ssc Bari un tris contro il Marsala

Torna alla vittoria la squadra biancorossa. Perde la Turris.

Dopo la mancata vittoria contro la Turris, seconda nel Girone I, la Ssc Bari torna a vincere nelle mura di casa 3-1 contro il Marsala. Con questa vittoria la squadra barese allunga di nuovo le distanze dalla Turris, che oggi ha perso contro il Messina.

Inizio vivace per la Bari, che tira più volte nello specchio della porta senza risultato però.

Poco dopo a queste azioni del Bari, il Marsala risponde con una rete di Manfrè.

Ma i biancorossi non si scoraggiano e, ci pensa Floriano a firmare la rete del pareggio.

A riaprire la partitaci pensa su rigore il capitano Ciccio Brienza, che porta il Bari in vantaggio.

Ci pensa Simeri a sigillare la vittoria, a pochi minuti del 90′.

Sala Emanuele: Ritrovato corpo senza vita

Ritrovato il corpo tra i rottami dell’aereo.

Emiliano Sala è morto. Il suo il corpo è stato ritrovato tra i rottami dell’aereo.

Il cadavere dell’attaccante che si stava trasferendo dal Nantes al Cardiff è stato recuperato nel relitto dell’aereo inabissatosi nel canale della Manica il 21 gennaio.

Lo ha confermato la polizia di Dorset. Si chiude così la drammatica ricerca che ha scosso il mondo del calcio e non solo. Adesso non si sa se le ricerche continueranno per ritrovare anche il secondo corpo, quello del pilota dell’aereo, David Ibbotson.

In un tweet il commissariato ha sostenuto che «il corpo trasferito al porto di Portland è stato formalmente identificato come quello del calciatore Emiliano Sala».

Lecce: Scavone dimesso ma usa utilizza il collare

Calciatore Lecce incontra stampa, non certi tempi di recupero. Possibilità di intervento.

Scavone il centrocampista del Lecce, trasportato in codice rosso in ospedale, nelle scorse settimane, durante Lecce- Ascoli, sta bene ma indossa un collare e dovrà forse sottoporsi ad un intervento chirurgico. A qualche giorno da ricovero e dalle dimissioni, Scavone oggi ha partecipato ad una conferenza stampa nello stadio di Lecce dove ha ringraziato tutto il popolo giallorosso perché in questi giorni gli sono arrivati tantissimi messaggi di vicinanza ed affetto.

“Ringrazio anche chi settimanalmente affronto sul campo da avversario – ha proseguito visibilmente emozionato – sono stati davvero in tanti a farsi sentire. Un ringraziamento sentito va alla famiglia del Lecce: tutta la società mi è stata vicina e questo mi ha dato una grossa forza. Cosa dire dei miei compagni. Sicuramente non avevo bisogno di questa brutta avventura per capirlo, ma siamo un gruppo fantastico. Un ringraziamento infine, ma non per ultimo, va a tutte le persone che sono intervenute in mio soccorso”.

Caso Bortuzzo: Il nuotatore rischia la paralisi.

Appello del padre: “Chi ha visto parli”. Attesi gli esami sugli arti.

Qualche giorno fa, in un articolo di cronaca vi avevamo parlato del giovane nuotatore Manuel Bortuzzo, raggiunto da alcuni colpi di pistola, per motivi ancora da chiarire.

Le condizioni di Manuel sono stabili. La prognosi rimane riservata. L’atleta è ricoverato all’ospedale San Camillo di Roma dove è stato sottoposto a un doppio intervento per bloccare l’emorragia toracica e per l’estrazione del proiettile che si è fermato su una vertebra. 

Il giovane presenta “un buon stato di coscienza” ma al momento “non ci sono segni di ripresa agli arti inferiori – afferma Alberto Delitala, il direttore dipartimento Neuroscienze -. Verrà eseguita una risonanza magnetica e sono in corso i potenziali evocati, che ci daranno un’indicazione sulla possibilità del midollo spinale di condurre l’impulso nervoso”.

Si stringe il cerchio attorno ai due uomini a bordo dello scooter da cui è partito il colpo di pistola che ha ferito il nuotatore.

Gli investigatori in queste ore sono al lavoro per individuare i partecipanti alla rissa, avvenuta poco prima in un pub a pochi metri di distanza dal punto in cui è stato ferito l’atleta. Uno dei partecipanti è stato già identificato.

L’ipotesi al momento più accreditata rimane quella di uno scambio di persona. A premere il grilletto potrebbe essere stato proprio qualcuno che ha precedentemente partecipato alla rissa e ha confuso il ragazzo per un altro. Si indaga allo stesso tempo anche per escludere che dietro il ferimento possano esserci altri moventi.

“Adoro Roma, però qui c’è un problema da risolvere. Non è possibile che si rischi la vita per niente, anche andando a mangiare un semplice panino. Questo è un problema distante anni luce da Treviso, non sarebbe successo”, dice Franco Bortuzzo, padre di Manuel. “Manuel si è svegliato ed ha riconosciuto la madre. Ha fatto qualche piccolo movimento con gli occhi e le dita. Chiaramente – prosegue il padre – sulla prognosi i medici si pronunceranno nelle prossime ore. In questo momento per noi sono ore di apprensione riguardo ai tempi e alla sua possibilità di riuscire a muoversi. Nelle prossime ore una tac potrebbe fare ulteriore luce sullo stato del midollo”.  

Lecce: dimesso Scavone

Il centrocampista giallorosso torna a casa dopo la paura.

Dopo il primo spavento di venerdì scorso durante la partita Lecce Ascoli, poi sospesa, ci giunge la notizia che il centrocampista leccese è stato dimesso,

Ricoverato a seguito del fortuito scontro di gioco con l’attaccante Giacomo Beretta nei primissimi secondi della gara di campionato tra Lecce ed Ascoli, il calciatore giallorosso è stato sottoposto a tutti gli esami strumentali del caso, che hanno dato esito negativo.

Serie D: Nuovo stop per la Ssc Bari

Riccio decide la sfida e riapre il campionato.

Nuovo stop fuori casa per la squadra di Cornacchini, che aveva l’obbligo di vincere contro l’avversaria di Torre Del Greco.

Ora sono nove i punti che separano il Bari e la Turris (prima e seconda classificata del Girone I). premettendo che la squadra campana ha una partita da recuperare (contro il Rotonda).

Potrebbero dunque diventare sei i punti tra le due formazioni e il campionato essere riaperto nella seconda parte di stagione.

A decidere il match è stato Riccio, sfruttando un’indecisione di Marfella che in uscita ha smanacciato a pochi metri dalla sua porta.

Non è riuscito a cogliere il pareggio il Bari, nonostante il forcing finale che non ha prodotto occasioni se non un colpo di test al 92′ di Pozzebon a pochi metri da Casolare.

Dopo il match si ritiene responsabile degli errori proprio il mister biancorosso Cornacchini che ha commentato: “Abbiamo fatto poco a livello agonistico. Loro hanno avuto un paio di opportunità, noi in due o forse tre occasioni potevamo fare meglio, ma e mancata la mentalità da categoria. La Turris l’ha avuta e si è visto».

Se da una parte c’era una squadra dispiaciuta per la sconfitta, con un allenatore che ha ammesso le proprie colpe anche a livello di scelte; dall’altra parte la squadra di casa compresi gli steward hanno festeggiato in campo, rendendosi protagonisti di gesti poco rispettosi, come mostra la foto pubblicata di seguito.


Serie B: brutto scontro per Scavone del Lecce

Sospeso l’anticipo di serie B tra Lecce e Ascoli.

Tanta paura allo stadio Via del Mare di Lecce.

Durante la partita contro l’Ascoli , il calciatore Scavone della squadra pugliese, dopo uno scontro con il calciatore della squadra avversaria Beretta, si è accasciato per terra perdendo i sensi.

Il calciatore, è stato soccorso dalla’ ambulanza e portato via, anche se dalle prime ricostruzioni, pare ci sia stato qualche ritardo nell’arrivo del mezzo del soccorso.

Il dirigente di gara ha deciso di sospendere la partita.